Il bravo dottore – di Elisa Mantovani

«Ciao Rachel, come stai oggi?» «Salve dottore. Ho sempre tanto sonno… e lei, lei come sta?» «Sono le medicine, servono per curarti. Io sto bene. Sei gentile a chiedermelo» «Davvero? Gentile: lei è l’unico a dirmi che lo sono e, tutte le volte mi viene in mente…» «Cosa? Cosa ti …

Annunci

Il Natale di Giacomo

Il Natale di Giacomo di Elisa Mantovani   L’ho preso!  Ce l’ho qui davanti, legato come un cotechino alla sedia della cucina. Gli ho messo un bavaglio anche se, con quella maledetta barba, non sono certo di averglielo piazzato proprio sulla bocca. Non dice nulla comunque: si limita a fissarmi …

I colori di Petra

I colori di Petra di Elisa Mantovani «Perché certe farfalle sono tutte bianche e altre invece sono colorate?» chiese Petra, seduta tra le pianticelle di piselli. Suo nonno fece una piccola smorfia, sollevandosi quel tanto da permettergli di guardare la nipotina: rimase estasiato per alcuni istanti nel vederla immersa nel …

Il bombardiere

Il bombardiere di Elisa Mantovani    “Tina va a prendere il pane, il latte e anche lo zucchero. Tieni, mancano duecento lire ma devi dire a Savio che glieli porterò domani.” disse la mamma alla bambina, porgendole un piccolo portamonete.  Abitavano in un piccolo borgo dove si conoscevano tutti, dove …

Quella

Quella di Elisa Mantovani   Quasi quasi la chiamo… magari quella ha cambiato idea: Quella. Sarà Quella finché non avrò la certezza assoluta che possa diventare qualcosa di più. Finora questa sorta di scudo mentale mi ha sempre permesso di entrare ed uscire (e non solo in senso metaforico) dalle …

L’albero

L’ albero di Elisa Mantovani   Io volevo essere il coniglietto, mi piaceva tanto quel costume: una maglia grigia, morbida morbida; un paio di lunghe orecchie tenute insieme da un cerchietto nero – non si sarebbe visto tra i miei folti capelli -; i pantaloni anch’essi grigi, con dietro appiccicata …

Il valore delle parole

Il valore delle parole di Elisa Mantovani   “Prego, si accomodi” disse l’uomo seduto dietro la grande, lucidissima scrivania. Piero fu colpito prima dall’ordine che vi regnava sopra: niente ammassi di cartelle, fascicoli affastellati l’uno sull’altro sempre in procinto di cadere rovinosamente a terra. Poi fu colpito dal viso dell’uomo …

La ragazza con la scatola

La ragazza con la scatola di Elisa Mantovani   Tra poco arriverà. La sto aspettando; guardo attraverso la finestra della camera da letto, la mia preferita perché si apre sul parco. Le altre le lascio sempre chiuse: preferisco starmene con la luce accesa anche in una giornata di sole, piuttosto …