I dialoghi del pendolare

dialoghi treno.jpg
ovvero come rubare dialoghi improbabili e trarre vantaggio dal pendolarismo per i propri beceri fini.

Uno degli esercizi più consigliati agli aspiranti scrittori, derivato dal fatto che è davvero complicato scrivere buoni dialoghi, è questo:

Sedetevi in un luogo pubblico, il treno con cui andate a lavorare la mattina andrà benissimo. Rifuggendo la vostra naturale misantropia mettetevi vicino a qualcuno, tipo una coppia di attempate pendolari della prima ora. Adesso ascoltate. Prendete un taccuino o il cellulare e, facendo finta di niente, scrivete quello che dicono. Nel caso usiate il taccuino datevi l’aria da poeta maledetto. Vi lasceranno in pace, funziona sempre.

È esattamente quello che sto facendo ora.
Signora A, accento spagnolo, mulher caliente dal rossetto rosso che con l’unghia ricostruita si gratta a fondo l’orecchio sinistro. Molto a fondo, tanto che ho quasi l’impeto di urlare: “Fai attenzione al cervello!”

Signora B: mani da lavoratrice, poco trucco, giusto per correggere. Sulla sessantina.

B: (salendo pochi istanti prima della partenza del convoglio) Ma ero in ritardo?
(Sì era in ritardo)
A: Siamo in RRRitardo di 4/5 minuti (non è vero, sono solo 2)
B: Non sono uscita per niente da venerdì. Con la pioggia, la schiena…
A: Ohio, hai detto schiena! (Come a dire, e io che devo dire?)
B: Oggi è stretta (guardano il telefono). (Fa vedere una foto sul telefono a A) Guarda, nel box!
A: Mirala… così dovevano sempre tenerla lì
C: Tutto ok, va bin vai solo piano. Ciao Ci
B: Mi preparo, subito sennò… non voglio arrivare fino a Racconigi
A: Mm mmm
B: (ride da sola)
A: Non capisco dove siamo
B Io sento caldo
A: Questo treno è sempre uguale
B: Io quando salgo salgo di qua. Buon inizio settimana
A: Anche a te. Quando ci vediamo?
B: Mercoledì
A: Ah, non domani
B: No, faccio la prova

A se ne va. C si sposta al sedile di fronte, probabilmente infastidita dalla mia sciarpa voluminosa. L’omino della voce registrata del treno parla. Sono certa che le sue conversazioni sarebbero più utili ai miei scopi.

Leggi anche – Il male assoluto

Annunci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *