Speciale SalTo19 – La mia meravigliosa libreria – Petra Hartlieb

57267810_2279738269013271_5506202098328495373_n.jpg

Qualche Spritzer di troppo

Ci sono scelte che vengono così, quando hai bevuto qualche Spritzer di troppo. Possono riguardare l’acquisto di un capo di abbigliamento che non ti puoi permettere o il contattare un ex con il quale giuravi di aver chiuso. Più raramente si tratta di scelte che ti cambiano la vita, di desideri e ipotesi che una volta espressi con parole sembra impossibile non assecondare. Tipo comprare una libreria e salvarla, quando non sai neanche come mettere insieme i soldi necessari. Una libreria che si trova in un’altra nazione. Alla fine si tratta solo di fare un’offerta via e-mail, che sarà mai! Magari neanche risponderanno… e se lo faranno ci si potrebbe sempre tirare indietro. O no? E poi ci sono i figli, la casa, la stabilità. Perché mai impelagarsi con un cambio di direzione tanto azzardato?

Perché mai?

Perché l’atto di vendere libri non può essere solo business. Perché quando ami davvero una lettura vorresti che tutto il mondo gioisse della tua scoperta. In fondo la lettura è un atto tanto privato quanto pubblico, quasi sociale: i libri ci cambiano e, attraverso le nuove scoperte che facciamo in qualche modo mutiamo il mondo che ci sta attorno. Allora vendere libri, consigliare clienti, promuovere gli autori che hanno qualcosa da dire diventa un atto filantropico ed eroico, soprattutto se lo si fa da librai indipendenti. Bisogna resistere al dilagare dell’e-commerce, diventare psicologi, amici, consulenti, promotori della lettura e persino inseguire il vicino chiedendogli conto di un pacco sospetto che viene da Amazon, un pacco che ha, in maniera evidente, le sembianze di un libro. 

Hartliebs Bücher 

E così, nel cuore di Vienna, nasce la Hartliebs Bücher e il percorso che porta alla sua creazione e alla sua crescita è disseminato di imperfezioni, di umanità, di difficoltà e di aspetti comici, in un funambolismo di personaggi che entrano pian piano in scena. Raramente nella vita le cose si incastrano come vorremmo, molto spesso camminiamo sul filo delle incombenze, tenendoci in equilibrio con l’asta dei rapporti familiari. 

“La mia meravigliosa libreria”, in questo senso, è molto più della bella storia di una famiglia che, dal nulla e in modo rocambolesco, ha messo in piedi una libreria in un paese, l’Austria, che non brilla per numero di lettori. È anche più di un racconto in cui ci si cala spesso sghignazzando: Petra Hartlieb parla di come si può aver successo in un mondo non facile come quello dei libri, e di come una donna con figli non debba necessariamente rinunciare a tutto per essere una madre degna di questo nome. Perché in fondo è anche bello così, essere imperfetti e ammetterlo, senza vergogna. 

Petra Hartlieb sarà al Salone Internazionale del libro di Torino il 13 maggio!

Petra Hartlieb, “La mia meravigliosa libreria”

Edizioni Lindau, 198 pag., prezzo di copertina 17 euro.

Leggi anche – Chiedilo all’autore – Andrea Donaera

Annunci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *