ES (09.12.1930-18.05.2010)

Edoardo Sanguineti
Edoardo Sanguineti

Omaggio a Edoardo Sanguineti, di Mirco Michelon

 

Per parlare di te, oggi più che mai, servono le tue parole, oggi, 9 anni dopo, 18 maggio 2019:

Io le ho impresse le tue pratiche di scrittura (ideologia e linguaggio e sabotaggio della letteratura): 

Comunque e dovunque e ovunque ci si ritrova e ci si richiama e ci riprova: con un vero disordine,

Credimi, caro ES, oggi serve guardare al mondo da fessure oculari più ampie: tu lo sai, oramai:

Ora il mondo non è poi così diverso, da quello che tu, proprio tu, hai conosciuto: (per una

Lettura pratica che sappia di parole e di cose): serve partecipazione e unione, sempre: la nostra

Interiorità si scopre parte di un tutto, che per molti è niente, per pochi è il saporito e reale

Frutto di passione che guida e discopre e svela: (tu cosa ne pensi?): oggi comincio con te,

Apro un perché con una sorta di scribillo dal gusto d’acrostico, con un mio modo d’écrire:

Tra conversazioni e Postkarten e perché, qua dal palcoscenico di un loggione di gusto letterario:

Tutto è citazione, perché noi viviamo citando (n’est pas?): e questo sarà fatto, così, à ta manière,

In tutto e per tutto quel che deve essere evidenziato e conosciuto e valorizzato: per poter capire e

Vedere oltre (oltre la superficie), come noi, a partire dal salone del libro torinese, con questa

Espressione in salsa quotidiana che fa del mio perché forma teori/prati/ca, sempre: ora, io, così,

Racchiudo in questo la mia presa di coscienza e la mia visione del mondo, non mi nascondo:

In tutto questo conta essere ed esserci, perché in fondo: così, è, la vita: ciao, a te, ovunque:

 

Leggi anche – Occhi a capo

Annunci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *